Il sorpasso al via di Sainz, la replica di Leclerc, poi gli attacchi dello spagnolo e la difesa del monegasco: Charles Leclerc e Carlos Sainz danno spettacolo durante i primi giri della Sprint Race del Gran premio d’Austria. Peccato che nel frattempo Max Verstappen saluta e se ne va, vincendo in tranquillità. Un altro rammarico per la Ferrari, perché Leclerc nel finale si avvicina tantissimo alla Red Bull. Ma al via aveva perso troppo tempo permettendo all’olandese di gestire a piacimento la Sprint Race.

Grande rimonta per Sergio Perez che scattato 13esimo, a causa della penalizzazione per aver oltrepassato i limiti della pista ieri in Q2, è stato autore di un’ottima prova chiudendo quinto. Il messicano dopo una partenza fulminea in cui ha scalato 5 posizioni ha dovuto faticare per superare l’Hass di Mick Schumacher che beneficiando del Drs del compagno di squadra Kevin Magnussen ha reso la vita difficile al pilota della Red Bull. Quest’ultimo, una volta sopravanzato il tedesco ha superato facilmente Magnussen ed Esteban Ocon, assicurandosi una buona posizione di partenza per la gara. La Ferrari, quindi, dovrà fare i conti anche con lui per il successo. Molto più complicata, invece, la gara di Lewis Hamilton che, rimasto impantanato per troppi giri dietro a Schumacher, abile nel difendersi, si è dovuto accontentare dell’ottavo posto. Regolare George Russell scattato quarto per chiudere nella stessa posizione. Sesto Ocon, settimo Magnussen, nono Schumacher e decimo Valtteri Bottas.

Al via due inconvenienti: il primo per Fernando Alonso il quale è stato costretto a rientrare ai box non prendendo parte alla Sprint race. Il secondo per Guanyu Zhou che dopo il giro di formazione, in prossimità della griglia di partenza, si è fermato per un problema alla vettura. Il danno ha causato un secondo giro di formazione e il cinese è dovuto partire dalla pit-lane per poi terminare 15esimo.

Il risultato odierno permettere a Verstappen di allungare ulteriore in classifica nei confronti degli avversari portando il suo vantaggio sul compagno di scuderia Perez a 38 punti. Inoltre, l’ordine d’arrivo ha definito quello che sarà l’ordine di partenza della gara di domenica. La competizione promette spettacolo e il Cavallino punta al bersaglio grosso. Per farlo potrebbe trarre vantaggio dalla pioggia che potrebbe abbattersi sul circuito austriaco rimescolando così le carte in tavola.

La classifica aggiornata: Verstappen 189 punti, Pérez 151, Leclerc 145, Sainz 133, Russell 116, Hamilton 94, Norris 58, Bottas 46, Ocon 42, Alonso 28, Magnussen 18, Gasly 16, Ricciardo 15, Vettel 15, Tsunoda 11, Zhou 5, Schumacher 4, Albon 3, Stroll 3, Latifi e Hulkenberg 0

L’articolo F1, Gp Austria – La Sprint Race e il nuovo paradosso Ferrari: Leclerc e Sainz lottano, Verstappen vince proviene da Il Fatto Quotidiano.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *